.
Annunci online

Il lunedì in un paese normale
post pubblicato in Francesco Forte, il 13 aprile 2010


Ormai è consuetudine che il palinsesto di Rai 3 la domenica in prima serata offra un programma di approfondimento giornalistico. Attualmente il format che occupa questo spazio è Report. Una trasmissione coraggiosa, ideata e condotta dalla giornalista Milena Gabanelli, supportata da validi giornalisti freelance che negli anni hanno svelato casi di spreco di denaro pubblico, di incapacità, di nepotismo.

Tanto per fare due esempi pratici: le telecamere di Report hanno individuato l'emergenza rifiuti a Napoli parecchi anni prima che esplodesse definitivamente, con tutti i danni che ne sono derivati, e hanno divulgato i problemi strutturali della politica antisismica in Italia ben prima del terremoto a L'Aquila.

E la stessa cosa si può dire di Presa Diretta, il programma di Riccardo Iacona, che va in onda pressappoco nei periodi in cui non va in onda Report, e che ha trattato altri temi fondamentali per la società: dall'acqua pubblica al caro-affitti, per fare due esempi. Raggiungendo entrambi i programmi anche un audience di qualche milione di spettatori, evento raro per i programmi in prima serata di Rai 3.

In un paese normale il lunedì e nei giorni successivi giornali e telegiornali commenterebbero l'inchiesta che questi programmi hanno proposto la sera prima. Vedremmo sulla stampa e in tv servizi ed inchieste aggiuntive sullo stesso tema, polemiche e contropolemiche. Osserveremmo i nostri politici sbracciarsi in televisione per dissociarsi dalle porcherie saltate fuori la sera prima e per annunciare la loro estraneità ai fatti rivelati.

In un paese normale probabilmente non ci sarebbero state né l'emergenza rifiuti a Napoli né le vittime del terremoto in Abruzzo, perchè i problemi evidenziati dalle relative inchieste giornalistiche sarebbero stati risolti in tempo dalla classe politica, non fosse altro che per ragioni elettorali. Per lo stesso motivo avremmo un uso del denaro pubblico più ponderato e meno sprechi, e pertanto pagheremmo meno tasse e avremmo dei servizi migliori.

Già, perchè in un paese normale gli elettori mandano a casa i politici corrotti o incapaci, perchè non realizzano l'interesse della società, ovvero il nostro. In questo modo si genera un meccanismo virtuoso in base al quale i politici cercano di comportarsi nel modo migliore possibile per poter essere rieletti: è per questo motivo che la democrazia dovrebbe essere il sistema politico più efficiente. Ed ecco perchè senza un forte potere giornalistico e senza una forte opinione pubblica non si può dire di vivere in un sistema pienamente democratico ed efficiente.

QUI trovate la puntata di Report della settimana scorsa.
Quei criminali della Lega
post pubblicato in Francesco Forte, il 20 marzo 2010


E' di ieri l'ennesima provocazione razzista della Lega Nord.

Dopo la disinfestazione dei treni dalle prostitute nigeriane effettuate dall'onorevole (!) Mario Borghezio e altre iniziative simili (per inciso: io preferirei entrare in contatto con qualsiasi immigrato piuttosto che anche solo sfiorare questo animale...) ecco una nuova trovata di "pulizia etnica" di questo partito. Mi raccomando: guai a toccare un immigrato, nel caso laviamoci in quel noto fiume pulito e purificatore che è il Po!

In provincia di Arezzo, a Sansepolcro, alcuni militanti di questo partito hanno distribuito ai cittadini del sapone per disinfettarsi dopo aver toccato un immigrato. Non c'è nemmeno bisogno di dire che tutto ciò ha sollevato un polverone: polemiche a sinistra e la consueta alzata di spalle da parte di tutto il centro-destra (parafrasando Luttazzi ormai ci manca poco che alle nostre critiche ci rispondano con una sonora pernacchia!).

Il punto è che non è questo il problema.

Il problema infatti non è più nemmeno l'atto in sé, pur gravissimo, quanto il fatto che ci stiamo assuefacendo a queste porcherie! Non dobbiamo mai dimenticarci che in Italia l'istigazione all'odio razziale è un reato, così come la discriminazione, così come l'associazione con fini di violenza o di razzismo. Questo significa che al governo abbiamo un partito illegale e come costituito da criminali (in realtà basterebbe solo la fedina penale di Maroni, Bossi, Borghezio a dimostrarlo...). Va sottolineato ancora una volta: qui non siamo in presenza di opinioni discordi dalle nostre o di comportamenti deprecabili. Qui siamo di fronte a dei CRIMINALI!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica razzismo lega nord

permalink | inviato da Francesco Forte il 20/3/2010 alle 15:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia marzo        maggio
il mio profilo
rubriche
links
tag cloud
cerca
calendario
adv